CONSENSO AL TRATTAMENTO DEI DATI PERSONALI

Ai sensi del Regolamento (UE) 2016/679, la informiamo che il Titolare del Trattamento è Settemari S.r.l



All'invio di comunicazioni commerciali, publicizzazione di eventi e promozione di attività e progetti del Titolare



OOPS..

Sei già iscritto alla nostra Newsletter.







Grazie per esserti iscritto

Alla nostra newsletter




Controlla l'email

e conferma l'iscrizione





COMING SOON





SICILIA - PANTELLERIA

PANTELLERIA. La Perla Nera del Mediterraneo


Sospesa tra l’Italia e l’Africa (120 km dalla Sicilia, 70 km dalla Tunisia), con oltre 50 chilometri di costa ma senza spiagge. Pantelleria è tutta un gioco di colori scuri e contrasti (proprio per la sua origine vulcanica), acque blu cobalto e paesaggi di roccia. Lo scrittore Giosuè Calaciura la definisce: «Drammatica e soave, inquietante e dolcissima, nera di lava e d’ossidiana, verde di uva di Zibibbo, di capperi e ulivi, azzurra di lago, indaco di mare, Pantelleria è un confine non solo geografico, è una frontiera che accoglie, è un luogo che ci ricorda quanto sia fragile e al tempo stesso eccezionale la condizione umana».

Isola dove tutto è naturale e tutto è artificiale, ovunque tracciata da chilometri di muretti a secco in pietra lavica e da terrazze di piccole dimensioni dove viene coltivata la vigna ad alberello molto basso, in un contesto di viticoltura che richiede un impiego molto elevato di manodopera ed è stata inserita dall’Unesco tra i beni patrimonio dell’umanità. L’autunno è perfetto per visitarla durante la vendemmia dello Zibibbo.

 

 

La seconda coltura più importante dopo la vite è costituita dal cappero Igp, ma va segnalata anche un’altra produzione di nicchia molto prestigiosa, quella dell’origano. Ingredienti che costituiscono la base dell’insalata pantesca insieme a patate, olive, pomodoro e cipolle, un piatto semplice e gustoso da gustare insieme al pesto dantesco, e a una granita di gelso, guardando da lontano la Tunisia seduti al tavolo di un ristorantino, in un tranquillo villaggio di pescatori.