Cuba Chiudi
Egitto Chiudi
Grecia Chiudi
Italia Chiudi
Kenya Chiudi
Messico Chiudi
Spagna Chiudi
Zanzibar Chiudi
Cerca l'agenzia più vicina a te
CERCA la VACANZA cerca per località cerca per nome hotel
CERCA L'OFFERTA
NEWSLETTER

Facebook Google+ Twitter YouTube

NEWS IN PRIMO PIANO

1. Si possono portare i sacchetti biodegradabili, tipo quelli dell’umido, dall’Italia?
No, non ancora. Il Kenya deve prima trovare la maniera di poter verificare quali siano davvero biodegradabili e quali invece contraffatti.
E’ possibile che nel frattempo alle aziende che prima producevano sacchetti di polietilene sia data la possibilità di immettere nel mercato i propri sacchetti biodegradabili con un marchio apposito. Proprio ieri c'è stato un primo incontro tra NEMA e possibili produttori.
2. Chi è autorizzato a fermare, perquisire e nel caso sanzionare?
Solo e unicamente ufficiali della NEMA (National Environment Management Authority), che sono tenuti a mostrarvi un loro tesserino. L'Autorità ha diramato un comunicato (scaricabile nel loro sito) dove si avverte che la Polizia keniana non è autorizzata ad effettuare perquisizioni né a multare chi trovato in possesso di materiale non consentito.
3. Le multe sono applicate da subito?
No, per le prime due settimane non ci saranno multe e comunque per chi verrà semplicemente trovato in possesso di un sacchetto ci sarà un normale richiamo. Le investigazioni della NEMA in questa prima fase riguardano negozi, grosse attività e grandi smaltitori.
4. Come si fa per le valigie avvolte nel cellophane?
All’arrivo in aeroporto, che è considerata “zona franca”, le autorità doganali vi faranno rimuovere il cellophane senza problemi.
5. I sacchi neri della spazzatura si possono utilizzare?
Si possono utilizzare solamente se forniti dall’azienda di smaltimento dei rifiuti o dal Governo della Contea, con il loro marchio e devono essere utilizzati solo per la raccolta e lo smaltimento dei rifiuti.
6. I sacchetti per surgelare i cibi sono fuorilegge?
Sono permessi solo quelli a chiusura ermetica che rechino sulla plastica il marchio dell’azienda che li produce.
7. Quali altri sacchetti alternativi si possono portare e usare?
Borsette di juta, di carta, di amido di mais, cassava. Oltre a quelli bianchi di polipropilene, che non sono ecologici ma non provocano fumi tossici bruciando. Ammessi ovviamente anche sacchetti e borse di tela e tessuto.
8. Cosa deve fare chi arriva in Kenya dopo questa data e ha in casa sacchetti o altra plastica fuorilegge?
Deve denunciarla, mostrando la data di arrivo. Per adesso il Nakumatt di  Malindi e il Tuskys di Kilifi dovrebbero essere due centri di raccolta dal 31 agosto (a quanto comunica la NEMA), altrimenti si deve andare all’ufficio di Malindi della National Environment Management Authority. Non si verrà multati.
9. I sacchetti del Duty Free shop sono ammessi?
In entrata in Kenya verranno fatti lasciare in aeroporto, mentre sarà possibile portarli con sé al rientro in Europa se acquistati nei negozi dell’aeroporto.
10. Le compagnie aeree obbligano a imbustare liquidi come ad esempio medicinali in gocce o sciroppi dentro sacchetti di plastica a chiusura ermetica, per poterli trasportare come bagaglio a mano. Sarà ancora possibile farlo e conservare i sacchetti sul suolo keniota in vista del rientro?
La NEMA non si è ancora espressa su questa  eccezione, ma l’esempio di altri Stati che hanno applicato lo stesso divieto prima del Kenya dicono che queste buste  saranno ammesse.

1. Si possono portare i sacchetti biodegradabili, tipo quelli dell’umido, dall’Italia?

 No, non ancora. Il Kenya deve prima trovare la maniera di poter verificare quali siano davvero biodegradabili e quali invece contraffatti.E’ possibile che nel frattempo alle aziende che prima producevano sacchetti di polietilene sia data la possibilità di immettere nel mercato i propri sacchetti biodegradabili con un marchio apposito. Proprio ieri c'è stato un primo incontro tra NEMA e possibili produttori.


2. Chi è autorizzato a fermare, perquisire e nel caso sanzionare?

 Solo e unicamente ufficiali della NEMA (National Environment Management Authority), che sono tenuti a mostrarvi un loro tesserino. L'Autorità ha diramato un comunicato (scaricabile nel loro sito) dove si avverte che la Polizia keniana non è autorizzata ad effettuare perquisizioni né a multare chi trovato in possesso di materiale non consentito.


3. Le multe sono applicate da subito?

 No, per le prime due settimane non ci saranno multe e comunque per chi verrà semplicemente trovato in possesso di un sacchetto ci sarà un normale richiamo. Le investigazioni della NEMA in questa prima fase riguardano negozi, grosse attività e grandi smaltitori.


4. Come si fa per le valigie avvolte nel cellophane?

 All’arrivo in aeroporto, che è considerata “zona franca”, le autorità doganali vi faranno rimuovere il cellophane senza problemi.


5. I sacchi neri della spazzatura si possono utilizzare?

 Si possono utilizzare solamente se forniti dall’azienda di smaltimento dei rifiuti o dal Governo della Contea, con il loro marchio e devono essere utilizzati solo per la raccolta e lo smaltimento dei rifiuti.


6. I sacchetti per surgelare i cibi sono fuorilegge?

 Sono permessi solo quelli a chiusura ermetica che rechino sulla plastica il marchio dell’azienda che li produce.


7. Quali altri sacchetti alternativi si possono portare e usare?

 Borsette di juta, di carta, di amido di mais, cassava. Oltre a quelli bianchi di polipropilene, che non sono ecologici ma non provocano fumi tossici bruciando. Ammessi ovviamente anche sacchetti e borse di tela e tessuto.


8. Cosa deve fare chi arriva in Kenya dopo questa data e ha in casa sacchetti o altra plastica fuorilegge?

 Deve denunciarla, mostrando la data di arrivo. Per adesso il Nakumatt di  Malindi e il Tuskys di Kilifi dovrebbero essere due centri di raccolta dal 31 agosto (a quanto comunica la NEMA), altrimenti si deve andare all’ufficio di Malindi della National Environment Management Authority. Non si verrà multati.


9. I sacchetti del Duty Free shop sono ammessi?

 In entrata in Kenya verranno fatti lasciare in aeroporto, mentre sarà possibile portarli con sé al rientro in Europa se acquistati nei negozi dell’aeroporto.


10. Le compagnie aeree obbligano a imbustare liquidi come ad esempio medicinali in gocce o sciroppi dentro sacchetti di plastica a chiusura ermetica, per poterli trasportare come bagaglio a mano. Sarà ancora possibile farlo e conservare i sacchetti sul suolo keniota in vista del rientro?

La NEMA non si è ancora espressa su questa  eccezione, ma l’esempio di altri Stati che hanno applicato lo stesso divieto prima del Kenya dicono che queste buste  saranno ammesse.

KENYA: Nuova procedura visto d'ingresso

l governo del Kenya ha deciso di ripristinare, fino a data da destinarsi, la possibilità di scegliere se effettuare la procedura di eVisa prima della partenza o la richiesta di visto manuale all’arrivo nel Paese.

Pertanto, tutti coloro che non avranno richiesto il loro eVisa prima della partenza troveranno delle porte dedicate al rilascio del visto manuale all’arrivo in Kenya.

Il portale http://evisa.go.ke/evisa.html è comunque attivo e rimane possibile effettuare la richiesta e il pagamento prima della partenza, riducendo le code all’ingresso e evitando il pagamento in loco.

A questo link è possibile scaricare i dettagli della procedura online:http://www.settemari.it/documentazione/KTB15_tutorial_eVisa.pdf

Credits

Progettazione e realizzazione del sito web, implementazione del CMS TourOp,
impaginazione automatica dei cataloghi PDF e cartacei:

PRAGMA2000

logo pragma200

www.pragma2000.com


Ideazione della linea grafica del sito:

SPIGOLON CALCAGNO

www.spigoloncalcagno.com

Iscrizione Newsletter



CONSENSO AL TRATTAMENTO DEI DATI PERSONALI ai sensi e per gli effetti di cui all’art. 13, Decreto Legislativo 30 giugno 2003, n. 196

Letta la presente informativa, il/la sottoscritto/a dichiara di averne compreso il contenuto e di prestare il proprio consenso al trattamento dei dati personali finalizzato all’ invio della newsletter del gruppo SETTEMARI S.p.A. ed alla gestione delle attività non esercitabili in forma anonima e necessarie per consentire ai sottoscrittori la fruizione e il riconoscimento degli sconti e delle promozioni, l’offerta e l’invio di premi, la partecipazione a Raccolte Punti e l’accesso agli altri servizi accessori utilizzabili mediante la newsletter.
Il/La sottoscritto/a dichiara inoltre di prestare il proprio specifico consenso scritto al trattamento dei dati per le ulteriori finalità di marketing e profilazione ed in particolare per:

1) lo svolgimento di attività di marketing diretto, quali l’invio - anche tramite e-mail, SMS ed MMS - di materiale pubblicitario e di comunicazioni aventi contenuto informativo e/o promozionale in relazione a prodotti o servizi forniti e/o promossi dal Titolare o da suoi partner commerciali, ivi compresi omaggi e campioni gratuiti.



2) lo svolgimento di attività di profilazione individuale o aggregata e di ricerche di mercato volte, ad esempio, all’analisi delle abitudini e delle scelte di consumo, all’elaborazione di statistiche sulle stesse o alla valutazione del grado di soddisfacimento dei prodotti e dei servizi proposti